Pulau Komodo, o più semplicemente Komodo, è l’isola dell’Indonesia situata nel Mar di Flores famosa in tutto il mondo per essere la casa dei draghi della terra, ovvero i varani. Komodo fa parte delle Piccole Isole della Sonda, a ovest delle grandi isole di Sumbawa e a est di Flores, ed è unica al mondo non solo per la possibilità di vedere da vicino le lucertole più grandi del mondo ma perché è un angolo di mondo dove il contatto con la natura selvaggia regala esperienze fuori dal comune.

indonesia isola komodo draghi natura

L’isola si trova nel cuore dell’Indonesia e, nonostante la fama dei draghi che attirano turisti da tutto il mondo, è rimasta per lo più selvaggia e incontaminata. Il Parco nazionale di Komodo, riconosciuto patrimonio dell’umanità dall’Unesco, prende il nome dall’isola ed è stato creato oltre trent’anni fa per proteggere i varani e tutelare le altre specie rare che abitano la zona, come gli squali balena, le mante giganti e i pesci luna.

Solitamente, la base ideale per andare alla scoperta di Komodo è Bali, l’isola degli Dei facilmente raggiungibile e dalla quale si può volare fino all’isola dei draghi oppure viaggiare in crociera. La prima è ovviamente la soluzione più rapida mentre la seconda dura dai due ai tre giorni e offre diversi spunti e tappe intermedie nelle isole più belle dell’arcipelago, come le cascate dell’isola di Moyo, l’isola corallina di Gili Laba, la famosa Pink Beach, il lago di acqua salata nell’isola vulcanica disabitata di Satonda, o l’isoletta Keramat Island.

indonesia isola komodo draghi natura
Pink Beach

La visita al Parco Nazionale di Komodo è annoverata tra le esperienze più emozionanti da vivere in Indonesia. La durata delle escursioni può variare da due a quattro ore o, addirittura, comprendere il pernottamento (scelta consigliata!) e sono obbligatoriamente accompagnate da guide locali per garantire la sicurezza dei visitatori. L’incontro con i draghi della terra è indubbiamente il momento clou della visita.

indonesia isola komodo draghi natura

I varani sono lucertoloni che possono raggiungere anche i 3 metri di lunghezza e i 130 kg di peso e il loro aspetto primitivo evoca quello dei dinosauri. Il più delle volte si avvistano mentre pisolano sotto il sole ma, vere e proprie macchine da guerra, al momento della caccia scattano all’inseguimento delle prede, si arrampicano sugli alberi e nuotano. Insomma, i più fortunati rischiano di ritrovarsi catapultati in un documentario in pieno stile National Geographic.

Non solo draghi, il Parco Nazionale di Komodo, che comprende anche le isole di Padar e Rinca, promette emozioni a tutto tondo dal momento che la visita, se ben organizzata, permette di  ritagliarsi del tempo per fare snorkeling. L’avventura nell’isola di Komodo, infatti, dalla terra si sposta sotto l’acqua dove è possibile incontrare le specie protette rare che popolano i fondali, come i pesci luna e le mante giganti.

Thailandia quando andare: clima, temperature, stagioni (e monsoni)

TI POTREBBERO INTERESSARE