Conosciuto anche come Palazzo dei Fiori, il Palazzo del Golestan è la storica residenza della dinastia reale Qajar. Si tratta del più antico monumento di Teheran, sito nel cuore storico cittadino, e fa parte del complesso di edifici reali un tempo racchiusi tra le mura della Arg-e Bam, cittadella di Bam.

iran teheran palazzo del golestan persia

Palazzo del Golestan, letteralmente “roseto”, era la residenza dello scià, nonché della dinastia reale Qajar. Circondata da due lussureggianti giardini, la costruzione originaria della struttura risale al periodo compreso tra il 1524 e il 1576. A volere il palazzo fu Tahmasp I, sovrano persiano della dinastia safavide. Fu però lo scià Nasser al-Din (1831-1896) a dare il via alla costruzione del vero e proprio Palazzo dei Fiori così come lo conosciamo.

All’interno del Golestan, che rispecchia le antiche tradizioni della Persia contaminate da quelle occidentali, si trova il Palazzo Bianco, ovvero il Museo Etnologico dove viene ricostruita la vita quotidiana del popolo persiano. Non solo, il Palazzo dei fiori ospita anche il Museo di Pittura Qajar Negar Khaneh che custodisce ritratti di principi, re e di personaggi persiani illustri.

Il Palazzo del Golestan è la più antica testimonianza architettonica della capitale iraniana e dal 2013 fa parte Patrimonio dell’Unesco. Il complesso costituito da un gruppo di 17 edifici reali si trova nel caotico centro di Teheran, al quale si oppone con la sua aura calma e tranquilla, non distante dal bazar e da piazza Imam Khomeini.

iran teheran palazzo del golestan persia

Negli ultimi sessant’anni i dintorni del palazzo si sono popolati di grandi edifici che celano la maestosa struttura. Eppure, più ci si avvicina al Golestan più i rumori cittadini tendono ad affievolirsi lasciando il passo alla sinfonia dei rigogliosi giardini del palazzo. Oltre ai meravigliosi esterni della residenza reale, è possibile fare un tour del complesso, scegliendo di visitare uno o più palazzi.

iran teheran palazzo del golestan persia

Sala degli Specchi – dettaglio

Il Palazzo del Golestan stupisce immediatamente il visitatore che, superato l’ingresso, si trova ad ammirare la “Veranda del Trono di Marmo”. Si tratta di un ampio salone per le udienze preceduto da un alto portico rivestito di specchi. Al centro, tra le due grandi colonne, è stato collocato un magnifico trono sorretto da figure umane costruito utilizzando 65 blocchi di alabastro giallo provenienti dalle miniere di Yazd, nel sud dell’Iran.

iran teheran palazzo del golestan persia

Veranda del Trono di Marmo – dettaglio

La veranda è solo l’inizio di un percorso sorprendente tra le meraviglie architettoniche e artistiche del Golestan che è un trionfo di elementi tipicamente persiani mescolati a quelli di chiara matrice  occidentale. Imperdibile la preziosa “Sala degli Specchi” che ospitava il celebre Trono del Pavone, il trono tempestato da 26.733 gemme attualmente visibile presso il Museo Nazionali dei Gioielli. 

Samarcanda: la magia dei lapislazzuli, il mistero dei mausolei. Incanto uzbeko

Tags

TI POTREBBERO INTERESSARE