Lítla Dímun è una delle più piccole tra le isole Faroe. Un solo chilometro quadrato di superficie situato a nord-est di Suðuroy e a sud di Stóra Dímun e visibile, tempo permettendo, dai villaggi di Hvalba e Sandvik. Piccolissima e disabitata dall’uomo, però ha un modo tutto particolare per essere famosa. Grazie ad un curioso effetto atmosferico, infatti, l’isola è sovrastata da una nuvoletta, più precisamente una nube lenticolare.

Quest’ultima altro non è che un tipo di altocumulo caratterizzato da una forma a lente orientata verso l’alto, motivo per il quale la cima del promontorio dell isoletta sembra ricoperta da un cappello di vapore. Le immagini di Lítla Dímun, grazie a quella nuvoletta quasi perenne, fanno pensare ad una versione danese di un Olimpo in miniatura, dove le divinità si celano allo sguardo grazie alla nube.

Lítla Dímun isola nuvola faroe
Lítla Dímun / Atlas Obscura

Costituita per lo più da scogliera, fatta eccezione per il monte Slættirnir, Lítla Dímun è l’unica delle 18 isole Faroe ad essere disabitata, o meglio i suoi unici abitanti sono uccelli marini e pecore. Per secoli, infatti, l’isola con la nuvoletta è stata abitata da una varietà specifica di pecore nere dalla coda corta, che pare fossero discendenti degli animali insediatisi in questa zona durante il Neolitico. Quella particolare specie di mammiferi si è estinta nel XIX secolo e oggi si trovano pecore domestiche che, lasciate libere di pascolare, ogni autunno vengono radunate per la tosatura.

Lítla Dímun isola nuvola faroe
Lítla Dímun vista da Hvalba

Soggiornare sull’isola è ovviamente impossibile, motivo per il quale non è tra le mete più gettonate del turismo di massa. Ciononostante è possibile, seppur molto difficile e di non facile accesso, visitare Lítla Dímun. Lo sbarco è reso difficile dalla morfologia costiera e necessita di condizioni metereologiche perfette.

Lítla Dímun isola nuvola faroe
Arcipelago delle Isole Faroe

Le scogliere possono essere scalate, tanto che gli allevatori faroesi, che ciclicamente raggiungono l’isola per la cura del bestiame, lasciano delle funi utili proprio allo scopo  e che possono essere utilizzate anche da aitanti e coraggiosi visitatori. La maggior parte dei turisti che si avventurano per l’arcipelago, però, si accontentano di ammirare l’isola dai villaggi vicini, Hvalba e Sandvík.

Norvegia, le balene delle isole Lofoten. Una “fatica” ma ne vale la pena

TI POTREBBERO INTERESSARE