Budapest, “regina delle acque”, ufficialmente dal 1934 è città delle acque termali e medicinali. La città sorge infatti su un mosaico di circa 130 sorgenti termali. Sulle antiche terme romane, l’impero ottomano costruì i suoi bagni turchi, stabilimenti antichissimi che dopo anni di trasformazioni ed evoluzioni sono diventate strutture in stile Art Nouveau, meravigliose location moderne che hanno fatto della città una delle mete ideali per chi ama il relax e il benessere.

terme budapest migliori dove andare

Gellert, Szechenyi, Rudas, Kiraly e Danubius Health Spa Resort Helia sono i cinque bagni termali più importanti di Budapest. Gellert è un gioiello in stile liberty per i suoi interni decorati di mosaici e maioliche, risalente al 1918 ma delle sue acque “miracolose”, particolarmente amate dai turchi durante il dominio ottomano,  si hanno notizie fin dal Medioevo. Il Bagno Termale presenta dieci piscine di varie dimensioni e temperature alimentate da 118 fonti provenienti dalle sorgenti termali del Monte San Gerardo.

terme budapest migliori dove andare
Gellert

Nel cuore del Parco Varosliget, vicino a Piazza degli Eroi,si trova Szechenyi, le terme che devono il nome all’omonimo conte ungherese, scrittore, teorico e politico considerato uno dei più grandi statisti del paese. I bagni sorgono su un palazzo neobarocco costruito intorno ai primi del Novecento e comprendono un mix d vasche interne ed esterne, 18 in tutto, con temperature dell’acqua fino a 40° C. D’inverno è possibile giocare a scacchi su tavole galleggianti mentre fuori nevica.

Szechenyi

Il Bagno di Rudas, fondato nel XVI secolo nella zona di Buda vicino al Ponte Elisabetta, conserva più di ogni altri il fascino e la sontuosità degli antichi bagni turchi. Nella parte centrale dello stabilimento, sotto la cupola semisferica di dieci metri di diametro, si trova  la piscina ottagonale. I raggi del sole, che filtrano dagli  oculi punteggianti la cupola, creano con l’acqua un magico gioco di colori e riflessi.

Rudas, dettaglio cupola

Al centro di Budapest si trovano poi le quattro piscine del Bagno termale Kiraly. Costruito nel 1570, il Bagno non gode di una diretta sorgente di acqua calda. I turchi, infatti, lo costruirono lontano dalle sorgenti per garantire la possibilità di usufruire delle proprietà termali anche in caso di assedio.

Uno dei più moderni bagni termali si trova nel Danubius Grand Hotel Margitsziget. Un tripudio di piscine interne ed esterne, bagni turchi, saune e vasche idromassaggio con vista sul Danubio. L’area comprende un parco acquatico, un centro benessere e terapeutico e un salone estetico.

Bagni San Filippo, il segreto panorama termale in Val d’Orcia

TI POTREBBERO INTERESSARE