Alghero, grazie alla sua poliedricità, alla specialità delle sue risorse naturali, ai nuraghi e alla meraviglia delle sue spiagge, è una delle città più belle della Sardegna. Caratterizzata da uno stile architettonico aragonese e catalano, Alghero è la “capitale” della Riviera del Corallo.

sardegna alghero cosa vedere fare mangiare

Tra i posti da vedere ad Alghero ci sono sicuramente le fortificazioni e le mura. La passeggiata lungo i bastioni, oltre a molti punti panoramici sulla costa, permette di vedere anche le bellissime porte, torri e bastioni. Meritano una segnalazione le torri difensive che circondano il centro cittadino, tra cui la Torre di Sulis nell’omonima piazza, la Torre di San Giacomo, la torre San Giovanni e la torre della Maddalena.

Bastioni

Da non perdere la visita alla Cattedrale dell’Immacolata Concezione, nota con il nome di Cattedrale di Santa Maria. La struttura si trova in pieno centro storico ed è il simbolo di Alghero. Lo stile dominante della cattedrale, risalente al XVI secolo, è quello gotico-catalano, tuttavia rappresenta un miscuglio di diverse epoche storiche ed artistiche. La torre del campanile, inoltre, offre una vista panoramica della città.

sardegna alghero cosa vedere fare mangiare
Scorcio Campanile Cattedrale dell’Immacolata Concezione

Imperdibili ad Alghero anche le visite alla Chiesa di Santa Barbara, la più antica della città, e alla Chiesa di San Michele, caratterizzata dalla sua cupola colorata. Il museo del Corallo, invece, ospitato nella villa Costantino, è il magnifico edificio in stile liberty del ‘900 posto nel cuore della città. Il museo racconta la storia del mar Mediterraneo e svela la storia e la cultura di Alghero.

pola Chiesa di San Michele

Sempre in pieno centro cittadino, a pochi passi dalla Torre di Sulis, c’è l’acquario di Alghero inaugurato nel 1985. In Sardegna sono presenti due acquari (l’altro è a Cala Gonone), ma quello di Alghero è l’unico in Italia ad ospitare esemplari di Pesce Pietra, uno tra i pesci più velenosi del mondo.

sardegna alghero cosa vedere fare mangiare
Torre Sulis

Una delle principali attrattive naturalistiche di Alghero sono le Grotte di Nettuno a Capo Caccia. Le grotte sono raggiungibili sia via mare, con il traghetto che parte dal porto turistico, che via terra, attraverso una scalinata di 656 gradini lungo la parete del promontorio di Capo Caccia. Sono formazioni carsiche tra le più grandi in Italia al cui interno c’è un lago e molte stalattiti e stalagmiti.

Grotte di Nettuno

Altro luogo  nelle vicinanze di Alghero che vale la pena di visitare è il complesso nuragico di Palmavera. Costruito con blocchi di calcare ed arenaria, il complesso è costituito da un corpo centrale con due torri, un antemurale e un villaggio di capanne. Le costruzioni vennero edificate in più fasi e le strutture più antiche sono datate XV-X secolo a.C.

Culurgiones di Alghero

Infine, non si può parlare di Alghero senza far menzione delle tradizioni gastronomiche della città. Di queste segnaliamo: la paella algherese che più rappresenta il legame della città con la Catalogna, culurgiones di patate, piatto di pasta ripiena tipica della zona; la Copatza de peix, o Cassola de Peix, che non è altro che una squisita zuppa di pesce.

Isola del Liri, gioiello del Lazio col centro storico ‘dotato’ di cascata

TI POTREBBERO INTERESSARE