31 gennaio 2020: il Regno Unito esce dall’Unione europea. In moltissimi si stanno chiedendo com’è attualmente regolato l’ingresso nel Regno Unito: serve il passaporto o, come sempre, è sufficiente la carta d’identità per andare a Londra? Facciamo chiarezza su quali sono i documenti necessari per entrare in Gran Bretagna.

brexit documenti necessari ingresso regno unito

Fino al 31 dicembre 2020, data in cui terminerà il periodo di transizione, si seguiranno le linee guida esistenti prima della Brexit. Per il momento, quindi, per i viaggiatori non cambia assolutamente nulla. I cittadini europei potranno usare semplicemente la carta d’identità nazionale, ancora valida per l’espatrio, sia in formato cartaceo che elettronico. Ma attenzione, gli inglesi sono categorici su questo: se la carta d’identità dovesse essere sciupata o riparata con lo scotch, potrebbero respingere il viaggiatore senza pensarci due volte.

Le disposizioni dell’ambasciata italiana a Londra

“Le Autorità britanniche segnalano che, fino al 31 dicembre 2020, anche dopo l’uscita dalla Ue, continueranno a valere, a fini di registrazione, di ingresso e permanenza nel Regno Unito, i passaporti europei (biometrici) e le carte di identità nazionali cartacee. Tale condizione non sarà, in ogni caso, più garantita dopo il 1 gennaio 2021 o in caso di uscita senza accordo (no deal). La carta di identità cartacea continuerà ad essere un valido documento per l’ingresso a Londra e in tutto il Regno Unito fino al 31 dicembre 2020 compreso. Tuttavia si consiglia – se possibile – di dotarsi di carta identità elettronica al fine di agevolare il passaggio alla frontiera”.
brexit documenti necessari ingresso regno unito

Dal 1 gennaio 2021, terminato il periodo di transizione, cambieranno le disposizioni per i viaggiatori anche per brevi periodi di permanenza. Almeno per adesso, sembrerebbe che sarà sufficiente munirsi di un passaporto valido senza la necessità di un visto, ma le prescrizioni sono in continuo aggiornamento, restiamo quindi in attesa di aggiornamenti attesi nei prossimi mesi.

Se aveste intenzione di portare con voi il vostro fidato amico a quattro zampe non dimenticate di munirvi di un secondo passaporto anche per lui.

Grecia, estate 2020: hotel e ristoranti riaprono tra giugno e luglio

TI POTREBBERO INTERESSARE