La Contea de ‘Il Signore degli Anelli’ esiste davvero e si chiama “Hobbiton”. Si trova in Nuova Zelanda nella piccola città di Matamata ed è un luogo surreale, avvolto dalla magia che le scene della famosa saga (girate davvero qui) regalano al pubblico.

L’origine della saga cinematografica, remake dell’omonimo romanzo di Tolkien, si dice sia avvenuta quando il regista Peter Jackson, in viaggio su un treno immerso nell’isola del Nord, ebbe un’idea improvvisa: si rese conto che i paesaggi della Nuova Zelanda evocavano, a pieno, l’universo magico descritto da Tolkien.

Hobbiton villaggio hobbit nuova zelanda

Organizzò, quindi, nel 1998 un tour di riprese aeree sulla zona insieme ad una squadra di esploratori di location e, come si legge dal sito ufficiale di Hobbiton, rimase incantato dalla ricchezza paesaggistica del territorio, perfetta per ricreare l’ambientazione di fantascienza che cercava con le “iconiche colline e i lussureggianti pascoli verdi della Contea”.

Hobbiton villaggio hobbit nuova zelanda
Veduta aerea di “Hobbiton”

“Una ricerca aerea li ha portati alla fattoria Alexander, un meraviglioso allevamento di pecore di 1.250 ettari nel cuore del Waikato. Hanno notato la sorprendente somiglianza dell’area con La Contea descritta da John Ronald Reuel Tolkien e si sono resi subito conto che gli Hobbit avevano appena trovato una ‘casa’. Le aree circostanti erano intatte; niente linee elettriche, niente edifici e niente strade in vista… Sir Peter Jackson poteva lasciarsi alle spalle il ventesimo secolo e immergersi completamente nel fantastico mondo della Terra di Mezzo”.

Le pecorelle autoctone

Il villaggio di Hobbiton è stato letteralmente ricostruito per la trilogia di Hobbit: non c’è nulla di artificioso. Il mulino a vento, il pittoresco Pontelagolungo in pietra dove arriva Gandalf col suo carretto, persino la taverna di Lungacque “Green Dragon Inn” dove Sam e Ted discutono sull’esistenza degli elfi. Tutto curato nel minimo dettaglio in maniera impressionante.

Le caratteristiche “smial”, casette scavate nelle colline

Cosa ancora più incredibile sono le “smial”, le dolci casette degli Hobbit, tutte in legno ed in pietra, ognuna con una porta colorata in modo diverso per identificarne il proprietario. Recinzioni in legno, cassette postali e tutti gli oggetti sembrano essere qui da secoli. Per riprodurre le porte e le finestre tonde è stato utilizzato compensato e polistirolo, opportunamente dipinti di colori sgargianti, e la maestosa quercia che fa da sfondo alla casa di Bilbo Beggins è stata tagliata e portata da vicino Matamata, poi riempita di foglioline finte, incollate in maniera davvero minuziosa. 

Particolare della cassetta postale, curata nel minimo dettaglio

Per la creazione delle casette, la troupe cinematografica ha chiesto l’aiuto di una squadra di militari della Nuova Zelanda per liberare il suolo e creare 37 buche sulle colline. Contrariamente a quanto si direbbe, tutto ciò ha aumentato la singolarità (e la bellezza) del paesaggio, contribuendo a far fiorire il turismo e a promuovere il territorio più di qualsiasi altra campagna pubblicitaria.

Green Dragon Inn

La locanda vista dall’esterno

Le strutture create ad hoc per Il Signore degli Anelli sono oggi accessibili al pubblico tramite tour con durata circa di 2 ore e 30 minuti. Con l’acquisto del ticket per la visita, sarà anche possibile degustare birra, sidro o birra di zenzero comodamente seduti al Green Dragon, una delle locande più caratteristiche al mondo. 

Hallstatt, il gioiellino austriaco che ha ispirato il castello di Frozen

TI POTREBBERO INTERESSARE